15-02-07

 
Progetti: Racconti friulano-italiano

 

Lingua friulana/italiana  Lingua italiana/inglese

I Ragazzi raccontano i Castelli

Friulano

Italiano

IL CJASTIEL DAI SCACS

Al esist un cjastiel in rive al mr e al fat di scacs. Il tet e i mrs a son piturts di scacs.

Jenfri dal cjastiel a son ds scachieris parc che i cjastelans a zuin a scacs di gnot e di d. In famee a son in ds: doi fradis, doi sors, cuatri zimui, il pari e la mari.

Une d al si sbroche un temporl e un folc al sdrume j il cjastiel dai scacs e la storie e finis cul.

Alessandro

IL CASTELLO DEGLI SCACCHI

Esiste un castello in riva al mare ed fatto di scacchi. Il tetto e le mura sono decorati da scacchi.

        Dentro al castello ci sono due scacchiere perch i castellani giocano  a scacchi notte e giorno. In famiglia ci sono dieci persone: due fratelli, due sorelle, quattro gemelli, il pap e la mamma.

       Un giorno scoppia il temporale e un fulmine distrugge il castello degli scacchi e la storia finisce qui.

ALESSANDRO

IL CJASTIEL DAI CRISTAI COLORTS

Dongje di un precipizi al un cjastiel di cristal: al une vore lusint e, cuntun pocje di ls, al da il rifls dal arc di San Marc. I barcon a son di cristal colort di blu e il puarton al di len cu la manece di cristal. Il cjastiel al doi plans e sul tet a son cuatri toratis. Il stradoncin che al puarte al zardin al fat di gjemis , ma a son i puii e inalore a son pcs viodi dome dai barcons. In chel puest al fs simpri cjalt e al il soreli. Lis stanzis a son une vore grandis e a son montadis cun mobii blancs; il paviment al fat di piastrelis di cristal une vore lustri. Intal cjastiel a e vf une biele zovine che, strache di viodi dut blanc, e cjape i bussulots di piture colorade, blu, rose, verde, e e tache a pitur. Cuant che e fint e gjolt e il cjastiel al devente plui biel e e vf par simpri contente tal mie dai cristai colorats.

Alice

IL CASTELLO DICRISTALLI COLORATI 

       Vicino a un precipizio c un castello di cristallo: molto scintillante e con la luce fa i riflessi di un arcobaleno. Le finestre sono di cristallo blu, la porta grande di legno con le maniglie di cristallo. Il castello ha due piani e sul tetto ci sono quattro torri, il sentiero che porta al giardino fatto di pietre preziose e non ci sono balconi.

 Le stanze sono molto grandi con i mobili bianchi e il pavimento brillante. Nel castello vive una bella ragazza. La ragazza stanca di tutti quei mobili bianchi e quei cristalli, allora prende alcune lattine di vernice multicolore, blu, rosa, verde e inizia a dipingere. Il castello diventa pi bello e lei vive felice con quei cristalli colorati. 

ALICE

IL CJASTIEL DAI SCACS

Intun pais lontan cenglt di altis montagnis, al un cjastiel clamt "Il cjastiel dai scacs". Il cjastiel al une vore biel cui mrs neris e blancs e i mierlis a forme di pedine. Sui mrs di dentri dal cjastiel a son piturts ciertis personis che a zuin a scacs; dutis lis telis dal cjastiel, par esempli lis cuviertis e lis tendis, a son ricamadis cun pedinis e i gots a an la forme di tors. Intal cjastiel a vivin doi re cun lis feminis e i fiis e cuachi servidr. Une volte ad an lis fameis a si viestissin di scacs e a fasin une partide intal mie dal cjastiel. La famee che e rapresente i blancs e je buine e oneste, ma ch dai neris e je dute al incontrari. Dutis e ds lis fameis a son bravis di zui di scacs, ma al di une vore di ains che a si batin e a finissin simpri a pr.

Une sere lis fameis a fasin une fieste parc che la matine dopo si di zui la partide impuartante. Durant la gnot, per il re dai blancs al si sint ml parc che chel altri re al lu fat mangj masse. Cuss a si ricuardn di un om une vore vieli e puar che al sa per zui tant ben cui scacs. Lu mandin a clam e la matine dopo, graziis a lui, i blancs a vincin la partide e la cope.

Andrea

IL CASTELLO DEGLI SCACCHI

In un paese lontano circondato da alte montagne. C un castello chiamato Il castello degli scacchi. Il castello molto bello con le mura nere e bianche e i merli a forma di pedine. Sulle mura allinterno del castello sono raffigurate alcune persone che giocano a scacchi; tutte le stoffe del castello, come coperte o tende, sono ricamate con pedine e i bicchieri hanno forma di torri.        Nel castello vivono due re con mogli e figli e alcuni servitori. Una volta allanno le famiglie si vestono da scacchi e fanno una partita al centro del castello. La famiglia che rappresenta i bianchi buona e onesta, ma quella dei neri tutto il contrario. Entrambe le famiglie sono brave a giocare a scacchi, ma da molti anni che combattono e finiscono sempre pari.

                Una sera le famiglie fanno una festa perch la mattina dopo si deve giocare la grande partita. Durante la notte per, il re dei bianchi si sente male perch laltro re lo ha fatto mangiare troppo. Cos si ricordano di un uomo molto vecchio e povero che sa per giocare molto bene a scacchi. Lo mandano a chiamare e le mattina dopo, grazie a lui, i bianchi vincono la partita e la coppa.

ANDREA

IL CJASTIEL DA LIS CAPIS

Intun pas dongje dal mr al un cjastiel fat di capis. A son une vore nininis e cuant che il soreli al lusore, lis capis a lusignin cun diviers colrs: ros, turchin, zl, viole, naranon e rose.

Intal cjastiel a son une vore di stanziutis e une piule pissine fate di capis. La aghe e je trasparente e dentri e je une maraveose sirene.

Intal cjastiel a vivin ancje pes, stelis di mr e cjavaluts di mr.

Bleta

IL CASTELLO DELLE CONCHIGLIE

In un paese vicino al mare c un castello fatto di conchiglie. Sono molto graziose e quando il sole splende, le conchiglie luccicano con diversi colori: rosso, azzurro, giallo, viola, arancio e rosa.

                Nel castello ci sono molte stanzette e una piccola piscina fatta di conchiglie. Lacqua trasparente e dentro c una splendida sirena.

                Nel castello vivono anche pesci, stelle marine e cavallucci marini.

BLETA

IL CJASTIEL DAI CJAVAI BLANCS

Intun pais lontan, intune val verde cenglade di montagnis e biei flums, al un cjastiel bielissim. Inte jentrade a son statuis di cjavai blancs, i mrs a son in marmul blanc, i puartons in len di cjariesr e lis fignestris a son cuadradis cuntun veri dut trasparent di cristal. E je une tor turchine cuntun cjaval blanc.

Didentri su lis parts a son piturts dai cjavai blancs e ancje i tapts a son ricamts di cjavai blancs che a corin. In chel pas i cjavai a son cuss presets par vie che un cjaval blanc in vuere al veve salvade le vite al re. Intes scudariis i cjavai a son tignts une vore ben, la mangjadorie a je ben curade e lis stalis a son simpri netis e in ordin. Per il re al une vore maluseris parc che il cjaval che i veve salvade la vite al spart. Il re al vf cu la so femine, la fie e i servidrs intal so cjastiel. La fie, di non Fabiola, e vit che so pari al maluseris, inalore e va a cir il cjaval spart: lu cjate ingjambart intun tramai di cjaadrs. La principesse lu dilibere, lu puarte a cjase e il re al finalmentri di gnf feli.

Caterina

IL CASTELLO DI CAVALLI BIANCHI

In un paese lontano, in una valle verde circondata da montagne e bei fiumi, c un castello bellissimo. Allentrata ci sono statue di cavalli bianchi, i muri sono in marmo bianco, i portoni in legno di ciliegio e le finestre sono quadrate con un vetro tutto trasparente di cristallo. C una torre azzurra con un cavallo bianco.

                Allinterno sulle pareti sono raffigurati dei cavalli bianchi ed anche i tappeti sono ricamati di cavalli bianchi in corsa. In quel paese i cavalli sono cos apprezzati perch un cavallo bianco in guerra aveva salvato la vita al re. Nelle scuderie i cavalli sono tenuti molto bene, il mangime ben curato e le stalle sono sempre pulite ed in ordine. Per il re molto triste perch il cavallo che gli aveva salvato la vita scomparso. Il re vive con la moglie, la figlia ed i servitori nel suo castello. La figlia, di nome Fabiola, vede che il padre triste, allora va alla ricerca del cavallo scomparso: lo trova intrappolato in una trappola di cacciatori. La principessa lo libera, lo porta a casa e il re finalmente di nuovo felice.

CATERINA

IL CJASTIEL DAI UNICUARS

Intune valade, doncje di une pissande, al un cjastiel di unicuars. A son ds tors e i barcons a son di ml colrs. Sul pruc da lis ds tors al un diamant: cuant che al criche il d a si spielin colrs maraves. Al un pecjt che al sedi cuasi simpri dopodimisd. Intal zardin a son une fontane e une pissine, cuntun maraves pin. Didentri il cjastiel al une stanzie rose e une stanzie blu. Parsore e je une cjamare plene di plumis: e je la stanzie dai unicuars. In ch stanzie i unicuars a zuin contents.

Chiara

IL CASTELLO DEGLI UNICORNI

In una vallata, vicino ad una fredda cascata, c un castello di unicorni. Ci sono due torri e le finestre sono di mille colori. Sulla cima delle torri c un diamante: allalba riflette di colori meravigliosi. E un peccato che sia quasi sempre pomeriggio. Nel giardino ci sono una fontana ed una piscina, con un meraviglioso pino. Allinterno, il castello ha una stanza rosa ed una stanza blu. In cima c una stanza piena di piume: la stanza degli unicorni. In quella stanza gli unicorni giocano felici. 

CHIARA

IL CJASTIEL DI CORAL

Intune isule lontane di chi al esist un cjastiel clamt "Il cjastiel dai corai". Chest cjastiel al une forme tonde e il so colr al ros fc, di fr invezit al si vit un bielissim diamant fat di corai slusints e dut plen di aghe. I jets e an la forme di une cape e lis cuviertis e il cussin a son fats di tele cun dentri dalis alaghis; il rest da la cjamare al fat di corai. Intal tinel lis posadis a son fatis di coral, cuss ancje i plats e i gots. Dentri dal cjastiel e je une zovine che par colpe di une strie a si trasformade intune sirene. Je li dentri a vf une vore contente, ma in chescj ds e je simpri maluseriose: e reste cuss ancje cuant che chei altris abitants dal cjastiel i fasin un spetacul. Une d per al rive un princip che al jentre intal cjastiel e al si trasforme: sot al devente  un pes e parsore al reste norml. Il princip al vit la sirene, la cjape a bracecuel, a si maridin e al reste cu la sirene fintremai la fin dai siei diis. E cuss a vivin une vite fate di coral.

Chiara

IL CASTELLO DI CORALLO

In unisola lontana da qui esiste un castello chiamato Il castello dei coralli. Questo castello ha una forma tonda e il suo colore rosso fuoco, mentre da fuori si vede un bellissimo diamante fatto di coralli luccicanti e tutto pieno dacqua. I letti sono a forma di grande conchiglia e le coperte ed il cuscino sono fatti di stoffa con dentro delle alghe; il resto della camera fatto di coralli. Nella sala da pranzo le posate sono fatte di coralli, come anche i piatti ed i bicchieri. Dentro il castello c una ragazza che per colpa di una strega si trasformata in una sirena. Lei l dentro ci vive molto felicemente, ma in questi giorni sempre triste: lo anche quando gli altri abitanti del castello le fanno uno spettacolo. Un giorno per arriva un principe che entra nel castello e si  trasforma: sotto diventa pesce e sopra resta normale. Il principe vede la sirena, la abbraccia e la sposa e resta con la sirena fino alla fine dei suoi giorni. E cos vivono una vita fatta di corallo.

CHIARA

IL CJASTIEL DAL Drc

Intun pas lontan sul pruc di une mont al je un cjastiel dal drc. Il cjastiel al di colr vert clr cun cetantis maglis vert scr, i barcons a an il veri ros sicu il fc.

Parsore da la tor al il drc che al duar. Intal stes pas, ma intun altri cjastiel, al vf un re arcibolic: i siei servidrs e lis vuardis a son impresonadis. Il dran, invezit, al une vore bon. Il re al mande simpri dai vuerrs par cjaplu, ma il drc al protet dal cjastiel che al i stt regalt di un mago in premi par vlu salvt.

Une d al rive intal pas il fi dal re: ancje il princip al arcibolic sicu so pari: Il re e il princip a tindin une vuate al drc e lu cjapin.

Intune grote e je un crot che prime al jere un princip e al jere il paron dal drc. Un zovin al va inte grote e al cjate il crot che i domande di cjoli un pl di gjat, un fier di cjaval e cuatri rosis di ducj i colrs. Il zovin al travierse une vore di pas e al rive a puart al crot chel che i veve domandt Il crot al met dut dentri di une lame nere, al salte dentri e al si trasmude intun princip. Inte grote al rive ancje un mago che, insiemit cul princip, al bat il re e il princip arcibolic e al delibare il drc. Cuss intal pas e torne la felicitt.

Christian

 IL CASTELLO DEL DRAGO

In un paese lontano in cima ad una montagna c il castello del drago. Il castello di colore verde chiaro con delle macchie verde scuro, le finestre hanno il vetro rosso come il fuoco.

                In cima alla torre c il drago che dorme. Nello stesso paese, ma in un altro castello, vive un re perfido: i suoi servitori e le guardie sono imprigionati. Il drago, invece, molto buono Il re manda sempre dei guerrieri per catturarlo, ma il drago protetto dal castello che gli stato regalato da un mago in premio per averlo salvato.

                Un giorno arriva nel paese il figlio del re: anche il principe perfido come suo padre. Il re e il principe tendono una trappola al drago e lo catturano.

                In una grotta c una rana che prima era un principe ed era il padrone del drago. Un ragazzo va nella grotta e trova la rana che gli chiede di prendere un pelo di gatto, un ferro di cavallo e quattro fiori di tutti i colori. Il ragazzo attraversa molti paesi e riesce a portare alla rana quello che aveva chiesto. La rana mette tutto dentro uno stagno nero, si tuffa nello stagno e si trasforma in un principe. Nella grotta arriva anche un mago che, insieme al principe, sconfigge il re ed il principe perfido e libera il drago. Cos nel paese ritorna la felicit.

CHRISTIAN

IL CJASTIEL BLU

Intun bosc magjic al un cjastiel magjic blu. A son cuatri tors par ogni lt. La puarte e je blu scr cu la man spadele zale e e je une piule fontane a ampe de puarte. Didentri dal cjastiel dut al blu: la cusine, la cjamare, il salot.

Intal cjastiel e vf une famee di fantasimis: pap Vittorio, mame Orietta, la fie Gessey, il fi Max e il piul Teo. Une d mame Orietta e va intal bosc magjic e e salude lis fadis e i guriuts, dasp e cjape s maraveosis rosis blu e lis met intal salot di cjase. Plui tart e prepare une torte di cjocolate e i fruts la cuvierzin cu la pane blu. Ducj a son felis.

Cindy

IL CASTELLO BLU

In un bosco magico c un castello magico blu. Ci sono quattro torri su ogni lato. La porta blu scuro con la maniglia gialla e c una piccola fontana a sinistra della porta. Allinterno del castello tutto blu: la cucina, le stanze da letto, il salotto.

                Nel castello vive una famiglia di fantasmi: pap Vittorio, mamma Orietta, la figlia Gessey, il figlio Max e il piccolo Teo. Un giorno mamma Orietta va nel bosco magico e saluta le fate e gli elfi, poi raccoglie dei meravigliosi fiori blu che mette nel salotto di casa. Pi tardi prepara una torta di cioccolata e i bambini la ricoprono con della panna blu. Tutti sono felici.

CINDY

IL CJASTIEL DAI DINOSAURS

Une vore lontan al esist un cjastiel dai dinosaurs. Il cuviert al ds atis di "pterodattilo" e lis parts a son ds alis boconis: a son maron clr. Il cjamin al une bocje cui dincj spuntts e a son doi voi ros tant che il fc. Lis stanzis a son cuviertis cui tapets furnts cui disens dai monts da la Alasche. Intal cjastiel al vf un tiranosaur. Une d il "pterodattilo" al cr di cop il tiranosaur, ma lis vuardis a lu fermin e jo o crt che il tiranosaur al sedi ancjem li a vivi.

Daniele

 IL CASTELLO DEI DINOSAURI

Molto lontano esiste un castello dei dinosauri. Il tetto ha due zampe di pterodattilo e le pareti sono due grandi ali: sono marrone chiaro. Il camino una bocca dai denti aguzzi e ci sono due occhi rossi come il fuoco. Le stanze sono ricoperte da tappeti decorati con disegni dei monti dellAlaska. Nel castello vive un tirannosauro. Un giorno il pterodattilo cerca di uccidere il tirannosauro, ma le guardie lo fermano e io credo che il tirannosauro viva ancora l.

 

DANIELE

IL CJASTIEL DAI "LECHE-LECHE"

Inte me fantasie al un cjastiel di "leche-leche": al si cjate dongje di crets alts e grs. Lis fignestris a son di forme di "leche-leche", lis vuardin a metin s une monture cuntune strisse nere: a an un grant "leche-leche" invezit dal fusl. La puarte dal cjastiel a je naranon e lis parets a son furnidis cun tancj "leche-leche".

Intal cjastiel a son ds stanziis diviersis: la prime e je plene di cusinis e divans furnts cui "leche-leche". In chest cjastiel al  vf un frut une vore gols che al ten une scorte di "leche-leche" sot di une taule de cusine. Il so non al Alex.

Une d un trop di oms al atache il cjastiel, ma lis vuardis ju fermin sparant "leche-leche" bocons e ju copin. Un om al sorevf e al tire une frece cuintri Alex che al mr: vuardiis e cjastiel a sparissin e a no tornin plui.

Davide

IL CASTELLO DEI LECCA-LECCA

Nella mia fantasia c un castello di lecca- lecca: si trova vicino ad alte e grigie rocce. Le finestre sono a forma di lecca   lecca, le guardie indossano ununiforme con una striscia nera: hanno un grande lecca- lecca al posto del fucile. La porta del castello arancione e le pareti sono decorate con diversi lecca- lecca.

 Nel castello ci sono due stanze diverse: la prima piena di cucine e divani decorati di lecca - lecca. In quel castello vive un bambino golosone che tiene una scorta di lecca- lecca sotto un tavolo della cucina. Il suo nome Alex.

 Un giorno una truppa di uomini attacca il castello, ma le guardie li ferma sparando enormi lecca- lecca e li uccide. Un uomo sopravvive e lancia una freccia contro Alex che muore: guardie e castello scompaiono e non ritornano pi.

DAVIDE

IL CJASTIEL AMERICAN  SCR

Intal cjanton plui scr de Americhe al un cjastiel che une volte un sir une vore ric al fas s par fsi not.

Chest cjastiel al un zardin no tignt ben cun tantis statuis di personas scognossts. Il puarton al une vore alt e tant dificil di but ju. Al dut neri e al siet tors. Lis stanzis a son come une volte, ven a sti che a an il doplr e ducj i imprescj vieris. Inte sufite a si sintin rumrs stramps.

Ul al je simpri il temporl. Intal cjastiel a vivin un pari, une mari e doi fruts, ducj dissendents dal om sir. Lr a vivin ben ul, per un d al tuche la puarte un vieli sir cuntun estri prepotent e vanits che al ds a la famee: "Jo o soi il volpat che une volte al fat s chest cjastiel. Us prei di ospitmi." La famee e acete.

Il d dar, a ore di gust, la famee e domande al om di dul che al ven e lui al rispuint che, cuntune machine dal timp che al inte sufite, al vignt chenti par vie che al si pintt di v fat s chel cjastiel dome par fsi viodi e inalore al vl disdrumlu. Il rumr inte sufite al jere la machine dal timp.

La famee e acete ma a no bute ju il cjastiel, anzit: e tire s une cjasute li dongje par vissi de vite passade intal cjastiel.

Denis

 

IL CASTELLO AMERICANO OSCURO

Nellangolo pi oscuro dellAmerica c un castello che un a volta un riccone fece costruire per farsi notare.

Questo castello ha un giardino mal curato con diverse statue di personaggi sconosciuti. Il portone altissimo e difficilissimo da abbattere. E tutto nero ed ha sei torri. Le stanze sono allantica, cio hanno il candelabro e tutti gli oggetti vecchi. In soffitta si sentono rumori strani.

                 L c sempre il temporale. Nel castello vivono un pap, una mamma e due bambini, tutti discendenti dalluomo ricco. Loro vivono bene l, per un giorno bussa alla porta un vecchio signore dallaria prepotente e vanitosa che dice alla famiglia: Io sono il riccone che una volta ha costru questo castello. Vi prego di ospitarmi: La famiglia accetta.

                Il giorno dopo, a pranzo, la famiglia chiede alluomo da dove viene e lui risponde che, con una macchina del tempo che ha in soffitta, venuto qua perch pentito di aver costruito quel castello solo per farsi vedere e allora lo vuole distruggere. Il rumore nella soffitta era la macchina del tempo.

                La famiglia accetta ma non distrugge il castello, anzi: costruisce una casetta l vicino per ricordarsi la vita passata al castello.

DENIS

IL CJASTIEL DAI Animi

Inte me fantasie al un cjastiel dai animi. Intai timps antcs lu an fat su intal mie di une foreste e li i baras, lis rosis e i arbui a an il colr da la zoventt. La aghe dal torent che al scor cul si pcs bevi.

Il cjastiel al siet tors e dar al un grant seri tant lunc che al pcs tign dentri tantis bestiis da la fatorie; la cente e je maron clr, maron scr e turchin e la plui alte dalis siet tors e je dute zale, lis ds a ampe dutis rossis, lis ds a diestre dutis verdis e lis ds denant une colr magente e che altre viole.

Intal cjastiel e vf Rose, une frute che e tancj ritrats di bestiis e par procursi di mangj e va intune stanze segrete, che e scuviert, dul che e je un milu bocon. Lis bestiis a vivin e a zuin intai soteranis e Rose ju clame par mangj e lr e van fr intal sierai.

Intal cjastiel lis parets a son zalis, rossis e verdis: picjts tai mrs a son dai cuadri cui animi. Une d un unicuar al tuche cu la ate e Rose e va a viodi cui che al , e vier la puarte e e vit un bielissim unicuar, lu fs l dentri e lu presente ai siei animi che lu acolzin cun lr. A mangjin ducj insieme e Rose e ds: Cjar unicuar, tu ss il benvignt inte nestre famee". La d dopo i da une cjamare e lu clame Spirit.

Elisa

IL CASTELLO DEGLI ANIMALI

Nella mia fantasia c il castello degli animali. Nei tempi antichi lhanno costruito in mezzo ad una foresta e l i cespugli, i fiori e gli alberi hanno il colore della giovinezza. Lacqua del torrente che scorre l si pu bere.

                Il castello ha sette torri e dietro c un grande recinto tanto lungo che pu contenere tanti animali della fattoria; il recinto marrone chiaro, marrone scuro e azzurro e, delle sette torri, la pi alta tutta gialla, le due a sinistra tutte rosse, le due a destra tutte verdi e le due davanti una magenta e laltra viola.

                Nel castello vive una bambina di nome Rosa che ha tanti ritratti di animali e per procurarsi del cibo va in una stanza segreta, che ha scoperto, dove c una grande mela. Gli animali vivono e giocano nei sotterranei e Rosa li chiama per mangiare e loro vanno fuori nel recinto.

                Nel castello le pareti sono gialle, rosse e verdi: appesi alle pareti ci sono dei quadri con gli animali. Un giorno un unicorno bussa con la zampa e Rosa va a vedere chi , apre la porta e vede un bellissimo unicorno, lo fa entrare e lo presenta ai suoi animali che lo accolgono tra loro. Mangiano tutti insieme e Rosa dice: Caro unicorno, sei nella nostra famiglia il benvenuto: Il giorno dopo gli d una camera e lo chiama Spirit.

 

ELISA

IL CJASTIEL DI AUR

Dongje di un riul di aghe lusinte e une vore nete al un sflandors cjastiel di aur cristalizt cuntun fantastic puint di len di rl stagn che al si tire su, i barcons a son di un cristai trasparent une vore clr, lis toratis di aur fissadis fra di lr cun modons di aur cristalizt, il cuviert fat di modons di pr arint unts fra di lr cun aur pr, lis muris di aur purisim messedt cul ram e par ultin lis scjalis di rubin.

Di fr al un splendit zardin plen di profumadissims tulipans rose coronts di un fossl font e plen di aghe e cul a son i crocodls che a controlin dut chel al suct inte zone.

In chest magnific cjastiel al vf il re dai maarots che al une vore zentl e tant bon, ma un fric vieli: di fat al cuarantevot miliarts e cinccent ml agns. purpr al ancjem agjil e ogni ms al fs fieste insieme ai siei servidrs.

Emanuele

IL CASTELLO DORO 

Vicino a un ruscello dacqua luccicante e pulitissima c uno splendido castello doro cristallizzato con un fantastico ponte levatoio di legno di quercia massiccio, le finestre di un chiarissimo cristallo trasparente, le torri doro fissate fra loro con mattoni doro cristallizzato, il tetto fatto di mattoni di puro argento uniti fra loro con oro puro, le mura di purissimo oro mischiato a rame e infine delle scale di rubino.

                Fuori c uno splendido giardino pieno di profumatissimi tulipani rosa circondati da un fosso profondo e ricco dacqua e l ci sono dei coccodrilli che sorvegliano tutto quello che succede in zona.

                In questo splendido castello vive il re dei folletti che gentilissimo e molto buono, ma un po vecchio: infatti ha quarantotto miliardi e cinquecentomila anni. Comunque ancora agile e ogni mese festeggia assieme ai suoi servitori.

EMANUELE

IL CJASTIEL DI GLA

Sot dal mr al un cjastiel di gla une vore stralusint, ma impastant di tancj claps. Al un pc ruvint, ma une vore resistent: lis ss parets a son dar a disfsi, lis fignestris a son distrutis e intune tor a son une vore di crepis che a no son inta chs altris.

O voi dentri intune crepe e o vit un pcs di cjfs taits, ma glaadis. Denant o vit un arbul e une manarie e inalore o tachi a tai l'arbul, per al ven fr sanc; o voi dilunc a rompilu fintremai che no vit i cjfs taiats.

 A un ciert pont al ven fr il cavalr cence cjf. Cuss o tachi a nad plui che o pues: o ven fr dal cjastiel e o voi inte rive, per il cavalr al ven fr e al si disfe.

La matine dopo o cjapi il numar zero di plastiche, mi vists di sub e o voi in aghe: o voi dentri dal cjastiel e o vit se al il cavalr. Cuant che lu cjati al mi ds che i covente une coce che e je inte glesie dal cjastiel. La cjapi s per il cavalr al nol pues jentr in glesie par vie che al di v un zero. I lu doi, lui al va dentri, i puarti la coce. Dasp lui al spire in ps crodint in Diu.

Federico

IL CASTELLO DI GHIACCIO

Sotto il mare c un castello di ghiaccio molto luccicante, ma bloccato da molti massi. E un po rovinato, ma molto resistente: le sue pareti si stanno sciogliendo, le finestre sono distrutte e in una torre ci cono molte crepe che non ci sono nelle altre.

 Entro in una crepa e vedo alcune teste tagliate, ma ghiacciate. Davanti vedo un albero e unascia e allora comincio a tagliarlo lalbero, per esce sangue; continuo a romperlo finch non vedo altre teste tagliate.

 Ad un certo punto esce un cavaliere senza testa. Cos comincio a nuotare pi che posso: esco dal castello e vado a riva, per il cavaliere esce e si scioglie.

 La mattina seguente prendo il numero zero di plastica, mi vesto da subacqueo e vado in acqua: entro nel castello e vedo se c il cavaliere. Quando lo trovo mi dice che gli serve una zucca che nella chiesa del castello. La prendo per il cavaliere non pu entrare in chiesa perch deve avere uno zero. Glielo do, lui entra, gli porto la zucca. Poi lui muore in pace credendo in Dio.

FEDERICO

IL CJASTIEL DAI DIAUI NERIS

Intal pruc di un vulcan al un cjastiel. Il cjastiel al neri cun cinc tors: la tor centrl e je la plui alte e al un puint. Intal cjastiel e je une fontane che e sude fc. A no son barcons. Lis stanziis a son netis, la cusine e un cjaminet e su la taule e son pole e patatinis. Intal salon al si sint un strani rumr: a son 3999 tombis di Diaui: Nissun al va dentri di chel cjastiel.

Giacomo

IL CASTELLO DEI DIAVOLI NERI

Sulla cima di un vulcano c un castello. Il castello nero con cinque torri: la torre centrale la pi alta e c un ponte. Nel castello c una fontana che sputa fuoco. Non ci sono finestre. Le stanze sono pulite, la cucina ha un caminetto e sul tavolo ci sono pollo e patatine. Nellattico si sente uno strano rumore: ci sono 3999 tombe di diavoli. Nessuno entra in quel castello.

GIACOMO

IL CJASTIEL DA LIS SIRENIS

In font dal mr al esist un cjastiel a forme di stele di mr. A son tantis fignestris cun lis tendis fatis di alaghis, ma la puarte a no je parc che ai va fr dal barcon. E je aghe dapardut parc che se no i pes e lis sirenis che son a st ul no podaressin vivi.

Dentri e je un salon par gust cul divan fat di stelis, un bielissim tron di capis rose cuntune stele di mr che e fs di cussin. In cusine e je une grande cape poiade sul font e dulintor a son lis stelis di mr dul sintsi.

Chest cjastiel al abitt di sirenis, il re Marino che al une code lungje e turchine, la barbe e i cjavei blancs e une corone di aur intal cjf. Cheste corone e je par lis tr fiis: Gemma, la plui grande, cu la code verde e i cjavei neris, Fiore, cu la code viole e i cjavei bionts e Stella, la plui piule, cu la code rosse e i cjavei ros.

Il re vuei al di nomen la prossime regjine. Intal dopomisd lui al da la notizie che la prossime regjine e sar ... Stella! J, une vore contente, e va a cjoli la corone e e si sinte intal tron.

Giorgia

IL CASTELLO DELLE SIRENE

In fondo al mare esiste  un castello a forma di stella marina. Ci sono tante finestre con delle tende fatte di alghe, ma la porta non c perch  si esce dalle finestre. C acqua dappertutto perch  altrimenti i pesci e le sirene che ci abitano non potrebbero vivere.

                Allinterno c la sala da pranzo  con il divano fatto di stelle, un bellissimo trono di conchiglie rosa con una stella marina che fa da cuscino. In cucina c una grande conchiglia appoggiata sul fondo e attorno ci sono delle stelle marine dove sedersi.

                Questo castello abitato da sirene, il re Marino che ha una coda lunga e azzurra, la barba e i capelli bianchi e una corona doro in testa. Questa corona per le tre figlie: Gemma, la maggiore, con la coda verde ed i capelli neri, Fiore, con la coda viola ed i capelli biondi e Stella, la pi piccola, con la coda rosa ed i capelli rossi.

                Il re oggi deve eleggere la prossima regina. Nel pomeriggio egli d la notizia che la prossima regina sar Stella! Lei, molto contenta, va a prendere la corona e si siede sul trono.

GIORGIA

IL CJASTIEL DAI CJAVAI BLANCS

Intune lontane pradarie al un maraves cjastiel. Al decort cun tancj disens di cjavai blancs. Intal zardin al un lc cui ps, tancj cjavai che a corin libars e un templi li che i cjavai a van a zui.

Intal cjastiel a son vincj stanzis: ogni stanzie e putrops cuadris di vons.

Intal cjastiel a vivin il capocje Tornado e la so femine Duchessa, lr a an un piul, clamt Furia. Inte vincjesime stanzie al il jet di Furia, dul che piul puieri al duar une vore ben.

Giulia

IL CASTELLO DEI CAVALLI BIANCHI

In una lontana prateria c un meraviglioso castello. E decorato con tanti disegni di cavalli bianchi. Nel giardino c un lago con i pesci, molti cavalli che corrono liberi e un tempio dove i cavalli vanno a giocare.

                Nel castello ci sono venti stanze: ogni stanza ha diversi quadri di antenati.

                Nel castello vivono il capo branco Tornado e sua moglie Duchessa, essi hanno un piccolo, chiamato Furia. Nella ventesima stanza c il letto di Furia, dove il puledrino dorme molto bene, 

GIULIA

IL CJASTIEL JENFRI LE FUMATE

In verett us ds che lontan lontan al esist un cjastiel intal mie dal bosc dongje di un lc. Al sicu il cjastiel da lis flabis, cun parets di colr rose e sfumaduris turchinis. Lis fignestris a son di cristal cui telrs in aur e arint e a son cuviertis di un mantiel di fumate che al plate dut il cjastiel. A son siet tors colr pane e creme che al samee che a tocjin il cl.

Didentri il pala al dut let di pieris preziosis e il paviment in marmul al di colr blu. Lis cjamaris a son desertis, il salon al une puarte rose smavt e une taule par i gusts e lis grandis cenis. Il bagn al di aur e di arint cui paviments e i mobii blancs e blu.

A lis siet precisis al torne il paron di cjase che al gjests une aziende bocone di bananis.

ma cum cui mi tocjial? E je la mame. Al jere dut un sium!

Giulia

IL CASTELLO TRA LE NEBBIE

In verit vi dico che lontano lontano esiste un castello in mezzo a un  bosco vicino ad un lago. E come il castello delle fiabe, con pareti di colore rosa e sfumature azzurre. Le finestre sono di cristallo con lintelaiatura in oro e argento e sono ricoperte da un manto di nebbia che nasconde tutto il castello. Ci sono sette torri color panna e crema che pare che tocchino il cielo.

                Allinterno il palazzo tutto incastonato di pietre preziose e il pavimento in marmo di colore blu. Le camere sono deserte, il salone ha una porta rosa pallido e un tavolo per i pranzi e le grandi cene. Il bagno doro e dargento con pavimenti e mobili bianchi e blu.

                Alle sette in punto torna il padrone di casa che gestisce una grande azienda di banane.

                Ma ora chi mi tocca? E la mamma. Era tutto un sogno!

GIULIA

IL CJASTIEL DA LA AGHE

Tal mie di doi cuei lontans al esist un bielissim cjastiel dut trasparent. Dongje dal cjastiel e je une magnifiche pissande che e prods un arc di San Marc une vore colort che al si spiele intal grant puarton da la jentrade.

Il cjastiel al clamt "Il cjastiel da la aghe" par vie che ul a vivin ducj i abitants dal mr, come par esempli i pessuts, i dolfins, lis piulis masanetis e tancj altris amiis. Intal cjastiel da la aghe e vf ancje une maraveose sirene, bionde e cui voi celescj e la code rosse sfumade di zl inta la spatule. La bielissime sirene a je magjiche e cuant che e di l li da la pissande, invezit da la spatule a vegnin fr i pts. J e st dar a ducj i pes che a vivin intal cjastiel: par lr la sirene e je come une mari. 

Une d un triton al vit la pissande e al va ul a bevi e a rinfrescjsi. La sirene lu vit e i va dongje, a fasin cognossince e a decidin di spossi. Lr a si sposin intun puest particolr de pissande, a vivin intal cjastiel e a si cjapin cure dai pes insiemit.

Giulia

IL CASTELLO DELLACQUA

Tra due colli lontani esiste un bellissimo castello tutto trasparente. A fianco del castello c una splendida cascata che produce un coloratissimo arcobaleno che si riflette sul grande portone dingresso.

                Il castello chiamato Il castello dellacqua perch l vivono tutti gli abitanti del mare, come ad esempio i pesciolini, i delfini, i granchietti e tanti altri amici. Al castello dellacqua vive anche una splendida sirena, bionda con gli occhi celesti e la coda rossa sfumata di giallo sulla pinna. La bellissima sirena magica e quando deve andare alla cascata, al posto delle pinne compaiono i piedi. Lei si prende cura di tutti i pesci che vivono al castello: per loro la sirena come una mamma.

                Un giorno un tritone vede la cascata e va l a bere e a rinfrescarsi. La sirena lo vede e si avvicina, fanno conoscenza e decidono di sposarsi. Essi si sposano in un posto particolare della cascata, vivono nel castello e si prendono cura dei pesci insieme.

GIULIA

IL CJASTIEL DA LIS PAVEIS

Di cualchi bande al un cjastiel clamt il "Cjastiel da lis Paveis". Ul dongje, di fat a son une vore di paveis che cualchi volte a van ancje dentri dal cjastiel. Nissun al vf in chel cjastiel. Une d une frute, forsit une principesse puare, e va dongje dal cjastiel. J e je une vore maluseriose par vie che no ams, ma dasp e vit lis paveis dai ml colrs. Une di lr a si poie su la spale de frute e je i ds: "Tu ss la me pavee preferide!". Po dopo la frute e fs bocje di ridi par la prime volte e e va a cont la so biele esperience a so mari. La mari e pense di l a vivi cu la fie intal cjastiel da lis paveis e cuss a son felicis e contentis.

Giulia

IL CASTELLO DELLE FARFALLE

Da qualche parte c un castello chiamato il Castello delle Farfalle. L vicino, infatti ci sono molte farfalle che a volte entrano anche nel castello. Nessuno vive in quel castello. Un giorno una bambina, forse una principessa povera, si avvicina al castello. Lei molto triste perch non ha amici, ma poi vede le farfalle dai mille colori. Una di esse si appoggia sulla spalla della bambina e la bambina dice: Sei la mia farfalla preferita!. Poi la bambina sorride per la prima volta e va a raccontare la sua bella esperienza a sua madre. La madre pensa di andare a vivere con la figlia nel castello delle farfalle e cos sono felici e contente.

GIULIA

IL CJASTIEL DI GLA CUVIERT DI NF

Dongje di un mr scognosst al esist un cjastiel dut fat di gla e cuviert di nf. Lis fignestris a son di cristal, ma a son un pc rotis e la puarte a je fate di nf une vore resistente. Il paviment e il sufit a son fats di cristal.

Chest cjastiel al comparis dome di unvier e intun mt une vore strani: prime e nevee, dasp al si forme plancut plancut il cjastiel dut di gla e par ultin la nf lu cuvier.

Intal cjastiel e vf la regjine dai glas, di non Elisabeth. A j i plasin une vore i vistts luncs e par chest a si vistis cul mantiel e une lungjissime vieste dute blancje e stralusinte; la so muse no si pues viodi parc che e je cuvierte di un capu maron. La regjine e une vuardie dal cuarp specil, che al un cocl. La regjine no vit la ore che al finedi l'unvier e pod st cun so pari e la famee.

Ilaria

IL CASTELLO DI GHIACCIO RICOPERTO DI NEVE

Vicino ad una mare sconosciuto esiste un castello tutto di ghiaccio e ricoperto dalla neve. Le finestre sono di cristallo, ma sono un po rotte e la porta fatta di neve molto resistente. Il pavimento e il soffitto sono fatti di cristallo.

                Questo castello compare solo in inverno e in modo molto strano: prima nevica, poi si forma piano piano il castello tutto di ghiaccio e infine la neve lo ricopre.

                Nel castello vive la regina dei ghiacci, di nome Elisabeth. A lei piacciono molto i vestiti lunghi e per questo si veste con il mantello e una lunghissima veste tutta bianca e luccicante; la sua faccia non si pu vedere perch coperta da un cappuccio marrone. La regina ha una speciale guardia del corpo, che un gabbiano. La regina non vede lora che finisca linverno e stare con suo padre e la famiglia.

ILARIA

IL CJASTIEL DI CRISTAI COLORTS

Intun mr lontan al un cjastiel di cristal colort. Il cristal colort al une vore rr e al si cjate intal font dal mr plui blu. La puarte grande e je di colr blu cun ds spadelis turchinis a forme di piul "iceberg", i barcons a son ros cui telrs naranon, lis parets di fr a son blu cun lis sfumaduris viole e turchinis.

Didentri, il cjastiel al dut une fraie di colrs: ros, zl, naranon... Il sofit al plen di fii cun losanghis, cuadrats e taronts colorts. Il bagn al un speli fucsie o ros cu la sagume naranon e viole. Il paviment (ancje se nol covente a nuie) al plan tiere al ros, al prin plan al zl, al secont al naranon.

Intal cjastiel e vf une famee di sirenis. La mari e je vedue e e di tign di voli tr bielissimis fiis e tr bielissims fruts. Intant che o nadi, o incuintri une caroce tirade di doi cjavaluts di mr che e va al cjastiel. Jo o voi dentri e la sirene plui zovine, cun buinegracie, a mi da une specie di cudumarut che al ti fs respir sot aghe ancje cuant che tu fevelis e ti fs vign fr la code de sirene. La caroce si ferme e di li al ven j un sir cui mustacjis che al nade su par lis scjalis par cir la regjine, ma la regjine e je partide par un lunc via. Jo o resti e la sirene mi mene inte cjamare dai ospits. Cuant che o voi j o vit i fioi dal re che a sielzin une dame pal matrimoni e mi innomenn tant che donzele. A la fin jo o torni a cjase li di me mari.

Ilaria

IL CASTELLO DI CRISTALLI COLORATI

In un mare lontano c un castello di cristallo colorato. Il cristallo colorato molto raro e si trova nel fondo del mare pi blu. La porta grande di colore blu con due maniglie azzurre a forma di un piccolo iceberg, le finestre sono rosse con le intelaiature arancione, le pareti esterne sono blu con le sfumature viola e azzurre.

                Dentro, il castello tutto un tripudio di colori: rosso, giallo, arancione, ... . Il soffitto pieno di fili con rombi, quadrati e rotondi colorati. Il bagno ha uno specchio fucsia o rosso con il contorno arancione o viola. Il pavimento (anche se non serve a niente) al piano terra rosso, al primo piano giallo, al secondo arancione.

                Nel castello vive una famiglia di sirene. La madre vedova e deve tenere sotto controllo tre bellissime figlie e tre bellissimi figli. Mentre nuoto, incontro una carrozza trainata da due cavallucci marini che si reca al castello. Io entro e la sirena pi giovane, con gentilezza, mi d una specie di cetriolino che ti fa respirare sottacqua anche quando parli e ti fa spuntare la coda da sirena. La carrozza si ferma e da l scende un signore con i baffi che nuota su per le scale per cercare la regina, ma la regina partita per un lungo viaggio.                 Io rimango e la sirena mi porta nella camera degli ospiti. Quando scendo vedo i figli del re che scelgono una dama per il matrimonio e mi nominano come damigella. Alla fine io me ne torno a casa dalla mamma.

ILARIA

IL CJASTIEL DA LIS SIRENIS

Dongje da la rive dal mr al un cjastiel da lis sirenis. Il cjastiel al a forme di sirene e par pipinis dai voi al ds prezis cristai colorts.

Intal cjastiel e je une stanzie cuvierte ad implen di cristal e veri colort. Intune altre stanzie i mrs a son fats sicu mosaics. Lis cjamaris a son di aur, invezit il jet al a forme di sirene. Sui mrs dal salot a son coloradis piulis sirenis. Ancje lis fignestris a fos fatis cu la forme di sirene di aur e di arint.

Intal cjastiel a son a vivi pardabon lis sirenis cu la code verde, gjavt la plui piule che la code turchin clr. I lr cjavei a son bionts, ros o moruts. Dutis a an i voi verts, i lavris fins e une bocje di ridi dolce. La sirene plui piule si clame Vittoria, dasp a je Sharon e la plui grande si clame Daisy e par ultin a je ancje Margherita.

Iva

IL CASTELLO DELLE SIRENE

Vicino alla riva del mare c un grande castello delle sirene. Il castello a forma di sirena e per pupille ha due preziosi cristalli colorati.

                Nel castello c una stanza ricoperta completamente di cristallo e vetro colorato. In unaltra stanza i muri sono fatti come dei mosaici. Le stanze da letto sono doro, mentre il letto a forma di sirena. Sui muri del salotto sono dipinte piccole sirene. Anche le finestre sono a forma di sirena doro e argento.

                Nel castello abitano veramente delle sirene con la coda verde, tranne la pi piccola che ha la coda azzurro chiaro. I loro capelli sono biondi, rossi o mori. Tutte hanno gli occhi verdi, le labbra fini e un sorriso dolce. La sirena pi piccola si chiama Victoria, poi c Sharon e la pi grande si chiama Daisy e infine c anche Margherita.

IVA

IL CJASTIEL DI CRISTAL

Intun cjastiel lontan di cul, e vf une fade regjine. Vu a son nassudis lis ss fs.

Il cjastiel al maraves: al i mrs di cristal blanc, i barcons colorts, il tet di cristal blu, lis stanzis di cristal rose par lis feminis e par i canais di cristal turchin, la cusine rosse e viole cun lis cjadreis di aur e une taule lungje lungje. La regjine e da ordin di puart i mir zcs dal mont e gnfs vistiduts parc che lis fadis a son piulis, figurnsi chs a pene nassudis; lis cuatri fadutis a si clamin Lalla, Rossana, Elizabeth e Juliette. Lalla e i cjavei bionts e lis, Elizabeth e i cjavei colr naranon e la bielissime Juliette e i cjavei castagn e riots, invezit Rossana e i cjavei ondts. Juliette e une particolaritt: la so piel e une vore plui mulisine e slisse di ch da lis srs. Ad un ciert pont la contentece da la mari si sfante parc che e rive une brute strie che e mande un incjantesim a la fie plui biele par fle devent brute tant che une 'save, fintremai che un princip no la ves bussade.

Une biele d un princip al passe di l e al vit cheste 'save, lu sint a va, lu busse e al si trasmude intune bielissime principesse, plui biele di prime. Il princip e la principesse si maridin e a vivin felis e contents cu la lr maraveose frute di non Clara. 

Laura

IL CASTELLO DI CRISTALLO

In un castello lontano da qui, vive una fata regina. Oggi sono nate le sue figlie.

                Il castello meraviglioso: ha le mura di cristallo bianco, le finestre colorate, il tetto di cristallo blu, le stanze di cristallo rosa per le femmine e per i maschietti di cristallo azzurro, la cucina rossa e viola con le sedie doro e un tavolo lungo lungo. La regina d ordine di portare i migliori giochi del mondo e nuovi vestitini perch le fate sono piccole, figuriamoci quelle appena nate, le quattro fatine si chiamano Lalla, Rossana, Elizabeth e Juliette. Lalla ha i capelli biondi e lisci, Elizabeth ha i capelli color arancione e la bellissima Juliette ha i capelli castani e ricci, mentre Rossana ha i capelli neri e ondulati. Juliette ha una particolarit: la sua pelle molto pi morbida e liscia di quella delle sorelle. Ad un certo punto la felicit della mamma svanisce perch arriva una brutta strega che manda un incantesimo alla figlia pi bella per farla diventare brutta come un rospo, finch un principe non lavesse baciata.

Un bel giorno un principe passa di l e vede questo rospo, lo sente piangere, lo bacia e si trasforma in una bellissima principessa, pi bella di prima. Il principe e la principessa si sposano e vivono felici e contenti con la loro splendida bambina di nome Clara.

LAURA

IL CJASTIEL DA LA OSCURITT

Parsore di une culine lontane al un cjastiel scr. Par di fore a son dai gorcs neris, un puarton di medie misure e siet tors. Di dentri dut al scr: a si podin viodi dome dai ritrats brilants cui nons dai re che a an regnt tal passt. Cum il cjastiel scr al guviernt di un puar vieli.

Une d al rive un zovin princip e al va dentri dal cjastiel. Parsore dal cjastiel, lis scjalis a deventin tant che un sgli e il princip al cole simpri a ziruc. Al va s ancjem une volte e al rive a la seste tor. Al vit une cjadree cuvierte di pl blanc; la cjadree si mf e il princip al vit l'om vieli. Il princip lu jude, cuss il puar vieli al i regale une corone di aur.

 Lorenzo

IL CASTELLO DELLOSCURITA

Su una collina lontana c un castello oscuro. Allesterno ci sono vortici neri, un portone di media misura e sette torri. Allinterno tutto buio: si possono solo vedere dei ritratti brillanti con i nomi dei re che regnarono in passato. Ora il castello oscuro governato da un povero vecchio.

                Un giorno arriva un giovane principe ed entra nel castello. Sulla cima del castello, le scale diventano come uno scivolo e il principe cade sempre allindietro. Sale ancora una volta ed arriva alla sesta torre. Vede una sedia ricoperta da pelo bianco; la sedia si muove e il principe vede il vecchio uomo. Il principe lo aiuta, cos il povero vecchio gli dona una corona dorata.

LORENZO

IL CJASTIEL DAI DRCS

Une vore lontan di cul, intune caverne sot di un vulcan, al un cjastiel. Il cjastiel al ros e al ss tors. Ogni tor al une sentinele che e je un cjf bocon di drc. La puarte e je fate di ar e se tu la tocjis a devente di fc.

Intal cjastiel a son siet stanziis e intal mie e je la stanzie dal tron cun lis vuardiis. Inte cusine no je une taule, intes cjamaris a no son jets. La ultime stanzie e je sierade parc che dentri al un drc bocognon. Intal cjastiel a vivin il re drc, la regjine drc e un drc frut. Une d al rive un am e al ds che a scugnis l vie: po dopo il cjastiel al sclope.

Luca

IL CASTELLO DEI DRAGHI

Molto lontano da qui, in una caverna sotto un vulcano, c un castello. Il castello rosso ed ha sei torri. Ogni torre ha una sentinella che unenorme testa di drago. La porta fatta di acciaio e se la tocchi diventa di fuoco.

                Nel castello ci sono sette stanze e nel centro c la stanza del trono con le guardie. Nella cucina non c un tavolo, nelle stanze da letto non ci sono letti. Lultima stanza chiusa perch dentro c un enorme drago. Nel castello vivono il re drago, la regina drago e un drago bambino. Un giorno arriva un amico e dice che devono andarsene: poi il castello esplode.

LUCA

IL CJASTIEL DAI SPIEI COLORTS

Dongje de splaze, intune tiere lontane, al un cjastiel fat di spiei colorts: zi, ros, turchins, viole e di tancj altris colrs. Didentri dal cjastiel ogni stanzie e un spieli di colr diviers.

Nissun al vf in chel cjastiel, ma une d une famee di sirs e vl comprlu. La famee e je formade di mame Helen, pai Joseph e la fie Virginia.

Cuant che Virginia e jentre inte so cjamare e vit che dut al blu e si spaurs parc che i samee di jessi intal font dal mr; la cusine, invezit, e je rosse tant che un desert. Sul paviment e vit un sfuei che al ds: "Se tu vs sav parc che lis stanziis a son coloradis in cheste maniere, clame il maarot". Inalore Virginia e clame il maarot e lui i ds di cjap un libri di magjie e di lei a pagjine 10. Virginia e cjape il libri e e ds: "Abracadabra": ve che i spiei a deventin normls dome par un ms.

Di ch volte chei spiei a son un ms colorts e un ms normls.

Maria

IL CASTELLO DAGLI SPECCHI COLORATI

Vicino alla spiaggia, in una terra lontana, c un castello fatto di specchi colorati: gialli, rossi, azzurri, viola e molti altri colori. Allinterno del castello ogni stanza ha uno specchio di diverso colore.

 Nessuno vive in quel castello, ma un giorno una ricca famiglia vuole comprarlo. La famiglia composta da mamma Helen, pap Joseph e figlia Virginia.

Quando Virginia entra  nella sua stanza vede che tutto blu e si spaventa perch le sembra di essere nel fondo del mare; la cucina, invece, rossa come un deserto. Sul pavimento vede un foglietto che dice: Se vuoi sapere perch le stanze sono colorate in questo modo chiama lelfo. Allora Virginia chiama lelfo e lui le dice di prendere un libro di magia e leggere a pagina 10. Virginia prende il libro e dice: Abracadabra: ecco che gli specchi diventano normali solo per un mese.

 Da quella volta quegli specchi sono un mese colorati e un mese normali.

MARIA

IL CJASTIEL DI CRISTAL

Tal mie di une valade cenglade di une stangjade blancje, al un cjastiel di cristal cerclt di un prt e il prt di un fossl.

Il cjastiel par di fr al fat di cristal e al une vore lusint: i cristai a son fucsie, blu e turchins.

Par di dentri dome il paviment al fat di gla. A son otantevot plans e par f lis scjalis a son dai bs strets, ma no fonts parc che tu as di meti dentri lis lamis.

Intal cjastiel a vivin dai cjans che a fevelin. A son vot nemi in dut: i cuatri cjans a si clamin Rocky, Rex, Kira e Tequila, invezit i cuatri cunins a si clamin Chicco, Salti, Mickey e Snoopy. I cjans e i cunins a saltin e a corin. A lis cuatri a fasin merinde bevint la aghe dal riul ul dongje. Ogni volte che al va ju il soreli ognidun al torne a cjase.

Matteo

IL CASTELLO DI CRSITALLO

In mezzo ad una valle recintata da una staccionata bianca, c un castello di cristallo circondato da un prato e il prato da un fossato.

                Il castello allesterno fatto di cristallo ed molto luccicante: i cristalli sono fucsia, blu e azzurri.

                Allinterno solo il pavimento fatto di ghiaccio. Ci sono ottantotto piani e per fare le scale ci sono dei buchi stretti, ma non profondi perch ci devi mettere le lame.

                Nel castello vivono dei cani parlanti che per giocare alla cavallina chiamano i conigli parlanti. Sono otto animali in tutto: i quattro cani si chiamano Rocky, Rex, Kira e Tequila, mentre i quattro conigli si chiamano Chicco, Salti Mickey e Snoopy. I cani e i conigli saltano e corrono. Alle quattro fanno merenda bevendo lacqua del ruscello l vicino. Ogni volta che tramonta il sole ognuno torna a casa.

MATTEO

IL CJASTIEL DAI SPIEI POLVARS

Dongje di une mont al un cjastiel fat di spiei polvars che, cuant che al bat fuart il soreli, a fasin vign la ombrene.

Dentri al plen di spiei plens di polvar sedi intal mr sedi su lis piastrelis, che a son di diviersis formis: triangolr, di retangul, oblicuis: cuant che un al si spiele al vit une ombre gobute e gruesse. Intal cjastiel a vivin tr drcs verts alts e bocognons che, cuant che si rabiin, a fasin trem la tiere. E je une principesse ingjambarade jenfri i spiei plens di polvar di forme cuadrade. Une d al rive un princip vistt cuntune cjamese blancje, al jentre e al vit i tr drcs; al tire fr la spade, la ponte cuintri dai drcs e ju cope. Il princip inalore al va a salv la principesse e cuss a vivin felis e contents. La d dopo il cjastiel dai spiei polvars al ven sdrumt dal princip.

Mattia

IL CASTELLO DAGLI SPECCHI POLVEROSI

Vicino a un monte c un castello fatto di specchi polverosi che, quando picchia il sole, fanno venire lombra.

                Dentro pieno di specchi impolverati sia sul muro che sulle piastrelle, le quali sono di diverse forme: triangolari, rettangolari, oblique: quando uno si guarda vede unombra gobba e grossa. Nel castello abitano tre draghi verdi alti e grossi che, quando si arrabbiano, fanno tremare la terra. C una principessa intrappolata tra gli specchi polverosi di forma quadrata. Un giorno arriva un principe vestito con una camicia bianca, un cappotto bianco e pantaloni in pelle. Sale sul monte, vede il castello impolverato, entra e vede i tre draghi; tira fuori la spada, la punta contro i draghi e li uccide. Il principe allora va a salvare la principessa e cos vivono felici e contenti. Il giorno dopo il castello dagli specchi polverosi viene distrutto dal principe.

MATTIA

IL CJASTIEL DAI SPIEI GLAATS

Intun pas al un cjastiel sui glas. Al fat di spiei glats e al contornt di un cente di gla. Intal cjastiel a son divans, taulis, cjadreis e stanzis dutis cuviertis di gla.

E je une famee di fantasimis: pai Franco, mame Silvia e une frute di non Francesca.

Une d al rive un om intal cjastiel e, cjalantsi in chei spiei, al vit che al une grande bocje e lis orelis sproposetadis. Inalore al scjampe fr dal cjastiel.

Mattia

IL CASTELLO DAGLISPECCHI GHIACCIATI

In un paese c un castello sui ghiacci. fatto di specchi ghiacciati ed circondato da un recinto di ghiaccio. Nel castello ci sono divani, tavoli, sedie e stanze tutte ricoperte di ghiaccio.

                C una famiglia di fantasmi: pap Franco, mamma Silvia e una bambina di nome Francesca.

Un giorno arriva un uomo al castello e, guardandosi su quegli specchi, vede che ha una bocca grande ed enormi orecchie. Allora scappa fuori dal castello.

MATTIA

IL CJASTIEL DAI ORS

Se tu vs l al cjastiel dai ors tu as di dopr un telecomant magjic. Il telecomant dai ors al pues vierzi un varc intal bosc. I ors a son dar a f s un cjastiel cun lis parts furnidis cu la piel di ors. Il cjastiel al ss plans, un par ogni ors, i barcons a son fats di pei colts e la puarte si vier cul telecomant magjic.

Il prin plan al propriett di un ors che al si clame M: al une vore ordent e al une stanzie par il computer e une par la cusine; il so colr prefert al il viole clr e dutis lis stanziis a son pituradis di chel colr. Il secont ors al si clame F: al adore lis robis antighis e il zl. Il tier ors al si clame D e lis ss stanziis a son plenis di machinutis: il so colr prefert al il naranon. Il cuart ors al si clame P: al ame i libris e i pls il ros. Il cuint ors al si clame E e i plasin tant lis "Barbie". Par ultin al l'ors C che al ame lis robis complicadis e di fat chei altris cinc ors a lassin dutis lis robis complicadis al sest ors.

Michele

IL CASTELLO DEGLI ORSI

Se vuoi andare al castello degli orsi devi usare un telecomando magico. Il telecomando degli orsi pu aprire un varco nel bosco. Gli orsi stanno costruendo un castello con le pareti decorate di pelo di orso. Il castello ha sei piani, uno per ogni orso, le finestre sono fatte di peli caduti e la porta si apre col telecomando magico.

                Il primo piano appartiene ad un orso che si chiama M: esso molto ordinato e c una stanza per il computer ed una per la cucina; il suo colore preferito il viola chiaro e tutte le stanze sono dipinte di quel colore. Il secondo orso si chiama F: esso adora gli oggetti antichi ed il giallo. Il terzo orso si chiama D e le sue stanze sono piene di automobiline: il suo colore preferito larancione. Il quarto orso si chiama P: esso ama i libri e gli piace il rosso. Il quinto orso si chiama E e adora le Barbie. Per ultimo, c lorso C che ama le cose complicate e infatti gli altri cinque orsi lasciano tutte le cose complicate al sesto orso.

MICHELE

IL CJASTIEL DI CAPIS

Intune tiere lontane al un cjastiel fat di capis, rossis, zalis, blu e di ogni altri colr. Il cjastiel al dongje di une splaze cun aghe trasparente e savalon di aur. Parsore dal cjastiel a je une cape a forme di spirl. La puarte denant e je turchine cuntune piule sieradure: cuant che il soreli al lusore sul cjastiel dut al barlumis. Cuant che si va dentri dal cjastiel a si viodin tr tocs di coral ros. Po dopo si cjate il salon par mangj cuntune taule a forme di cape ovl cuntun plat, curtis e piron di coral e un got a forme di cape e i tavaius a son pituradis dal colr dal mr. Il plat su la taule al plen di alaghis: Cuiss mai cui che al vf ul? A son dome pocjis stanziis al plan tiere, ma se tu rivis s al plan disore a son plui stanziis. Al un cuadri bocon cun sirenis intal mr. A diestre e je une stanzie plene di cuadris di sirenis.

Al nol un jet, ma une piule pissine a forme di cape. A ampe al un bagn cuntun lunc spieli e un piul taulin cun deliziosis decorazions. E, parsore di une cjadree, e je une sirene gaiarine cui cjavei luncs e bionts e cuntune code turchine. A son une vore di altris stanziis intal cjastiel. Inalore jo o saludi la sirene e o voi vie.

Nicole

IL CASTELLO DI CONCHIGLIE

In una terra lontana c un castello fatto di conchiglie, rosse, gialle, blu ed ogni altro colore. Il castello vicino ad una spiaggia con acqua trasparente e sabbia dorata. In cima al castello c una conchiglia a forma di spirale. La porta anteriore azzurra con una piccola serratura: quando il sole risplende sul castello tutto scintilla. Quando si entra nel castello si vedono tre pezzi di corallo rosso. Poi si trova la sala da pranzo con un tavolo a forma di conchiglia ovale con un piatto, coltello e forchetta di corallo ed un bicchiere a forma di conchiglia e le salviette sono dipinte col colore del mare. Il  piatto sul tavolo pieno di alghe. Chiss mai chi vive l? Ci sono solo poche stanze al pianterreno, ma se sali al piano di sopra ci sono pi stanze. C un grande quadro con sirene nel mare. A destra c una stanza piena di quadri di sirene. Non c un letto, ma una piccola piscina a forma di conchiglia. A sinistra c un bagno con un lungo specchio ed un piccolo tavolo con deliziose decorazioni. E, su una sedia, c una snella sirena dai lunghi capelli biondi e dalla coda azzurra. Ci sono molte altre stanze nel castello. Allora io saluto la sirena e me ne vado.

NICOLE

IL CJASTIEL DAI DIAMANTS

Une d, pari e fie, cjaminant in campagne, a cjatin un cjastiel di diamants. I rais dal soreli si spielin sui diamants e a lusin su la campagne.

pari e fie a van dentri dal cjastiel e a viodin un grant scjalon. Ogni stanzie e je di diviers colr e cjalant fr dai barcons al si pues viodi l'arc di San Marc. La fie e domande al pari di compri il cjastiel: j e vars voie di trasformlu intun parc par f zui i fruts. Il par i rispuint che e je une buine idee, ma che e je masse cjare. Dut cs, cu la fantasie, dut al si pues imagjin. Inalore la fie e je contente, parc che j e fantasie, dasp a sint l'orloi che al sune e si svee: al jere dome un insium...!

Noemi

  IL CASTELLO DEI DIAMANTI

Un giorno, pap e figlia, camminando in campagna, trovano un castello di diamanti. I raggi del sole riflettono sui diamanti e splendono sulla campagna.

Padre e figlia entrano nel castello e vedono un grande scalone. Ogni stanza di diverso colore e dalle finestre si pu vedere larcobaleno. La figlia chiede al padre di comprarle il castello: lei vorrebbe trasformarlo in un parco giochi per bambini. Il pap le risponde che una buona idea, ma troppo costosa. Per, con la fantasia, tutto si pu immaginare. Allora la figlia felice, perch lei ha fantasia, poi sente lorologio che suona e si sveglia: era solo un sogno !

NOEMI

IL CJASTIEL DA LIS CAPIS

Dongje di un flum al un cjastiel fat di capis coloradis. Parsore di un puint al un steme a forme di cape. I mobii intal cjastiel a son di tancj colrs, lis parets, i barcons e lis tendis a son decoradis cun capis e la cusine a di ml colrs cu la puarte furnide di capis. Tal plan disore e je la cjamare da la principesse; sul jet la cuvierte e il cussin fof a son decorts di capis. Intal bagn e je une vascje a forme di cape. Chest al il cjastiel dai miei siums.

Nunzia

IL CASTELLO DELLE CONCHIGLIE

Vicino ad un fiume c un castello fatto di conchiglie colorate. Su un ponte c uno stemma a forma di conchiglia. I mobili nel castello sono di tanti colori, le pareti, le finestre e le tende sono decorate con conchiglie e la cucina multicolore con la porta decorata di conchiglie. Al piano superiore c la stanza della principessa: sul suo letto la coperta e il soffice cuscino sono decorati di conchiglie. Nel bagno c una vasca a forma di conchiglia. Questo il castello dei miei sogni.

     NUNZIA

IL CJASTIEL DI CRISTAL

In cualchi puest al esist un cjastiel dul che al vf un drc. Il drc al fs une magjie e il cjastiel al devente di zucar. I barcons a son di cjocolate, lis stanziis di caramelis e dut il rest di caramelis di gome. Il cjastiel al plen di tramais e il "Re di Cristal" al di cir di evitlis. Il re al cole intune buse e al vit un tunel dul che al cjate il drc cun tancj altris piui draguts. Il re al cope i draguts, cuss il grant drc al dilibere il cjastiel da la magjie.

Paolo

IL CASTELLO DI CRISTALLO

In qualche posto esiste un castello dove vive un drago. Il drago fa una magia e il castello diventa di zucchero. Le finestre sono di cioccolata, le stanze di caramelle e tutto il resto di caramelle gommose. Il castello anche pieno di trappole e il Re di Cristallo deve cercare di evitarle. Il re cade in un buco e vede un tunnel dove trova il drago con tanti altri piccoli draghetti. Il re uccide i draghetti, cos il grande drago libera il castello dalla magia.

PAOLO

IL CJASTIEL DE SIRENIS

Intune tiere lontane, intes profonditts dal mr, al esist un cjastiel vieli: cetantis sireniS a pandin il cjastiel e a jentrin: a viodin la figure di une alaghe verde e di ondis turchinis.

Lis sirenis a no an cjase, cuss a jentrin intal cjastiel e si cjalin ator. Inte cjamare a viodin un jet a forme di stele di mr. In cusine a viodin tecjis e tacis a forme di cjavaluts di mr.

Intal salot Lory, la sirene plui zovine, e cjate une statue bocone di sirene, une lr parinte.  Mary e Nelly a cjatin un diari inte sufite cu la storie de lr famee. Chel al il lr cjastiel! Un vieli triton al cjap la lr none e lis tr gneutis a restarin intai abs dal mr. Cum lis tr srs a vivin contentis intal lr cjastiel.

Raffaela

IL CASTELLO DELLE SIRENE

In una terra lontana, nelle profondit marine, esiste un vecchio castello. Alcune sirene scoprono il castello ed entrano vedono la figura di unalga verde e di onde azzurre.

Le sirene non hanno casa, cos entrano nel castello e si guardano attorno. Nella stanza da letto vedono un letto a forma di stella marina. In cucina  vedono pentole e bicchieri a forma di cavallucci marini.

 Nel salotto Lory, la sirena pi giovane, trova una grande statua di sirena, loro parente.

 Mary e Nelly trovano un diario in soffitta con la storia della loro famiglia. Quello il loro castello! Un vecchio tritone cattur la loro nonna e le tre nipotine rimasero negli abissi marini. Ora le tre sorelle vivono felici nel loro castello.

RAFFAELA

IL CJASTIEL DAI GNOTUI

Inte bande plui scure dal mont, intal palt fumats, al esist un cjastiel di gnotui dongje di un vecjo vulcan. Il cjastiel al cinc tors cun lis alis, inte jentrade al un bocognon cjf di gnotul. Intal cjastiel e je un grande oscuritt. A son ds cjamaris cun jets bocons e spiei grandonons. inte parets a son cuadris di stranis personis, la cusine e   un doplr a forme di gnotul.

Intal cjastiel e vf une famee di gnotui: mari, pari, fi e un a pene nasst e ognun di lr al si  trasmude in vampr. Intune stanzie e je une mumie che e je amie di famee.

Une d un om al va al cjastiel, ma i vamprs lu spaurissin e l'om al scjampe vie par simpri.

Riccardo

IL CASTELLO DEI PIPISTRELLI

Nella parte pi oscura del mondo, nelle paludi nebbiose, esiste un castello di pipistrelli vicino ad un vecchio vulcano. Il castello ha cinque torri con le ali, allentrata c unenorme testa di pipistrello. Nel castello c una grande oscurit. Ci sono due stanze da letto con grandi letti ed enormi specchi. Alle pareti ci sono quadri di strane persone, la cucina ha un candelabro a forma di pipistrello.

                Nel castello vive una famiglia di pipistrelli: mamma, pap, figlio e neonato e ognuno di loro si trasforma in vampiro. In una stanza c una mummia che amica di famiglia.

 Un giorno un uomo  va al castello, ma i vampiri lo spaventano e luomo scappa via per sempre.

RICCARDO

IL CJASTIEL DAI CRISTAI

Inte me fantasie al un cjastiel di cristal. Il cjastiel al ds tors une vore altis, un zardin bocon plen di flrs maraves, un grant puarton fat di cristai e stanzis une vore amplis cuntun lungjissim coridr. Cuant che il soreli al jeve, i cristai a barlumin e la int e cjale il cjastiel. Intal cjastiel a vivin un re e une regjine: lr a son une vore contents parc che an une fie maraveose. Ducj i princips a volin spos la principesse. Une d la principesse e vit un bielissim princip da la fignestre e a vier la puarte. Il princip e la principesse si maridarin.

Sara

IL CASTELLO DI CRISTALLI

Nella mia fantasia c un castello di cristalli. Il castello ha torri molto alte, un enorme giardino pieno di fiori meravigliosi, un grande cancello fatto di cristalli e stanze molto ampie con un lunghissimo corridoio. Quando il sole sorge i cristalli scintillano e la gente guarda il castello. Nel castello vivono un re ed una regina: loro sono molto felici perch hanno una figlia splendida. Tutti i principi vogliono sposare la principessa. Un giorno la principessa vede un bellissimo principe dalla finestra ed apre la porta. Il principe e la principessa si sposano. 

SARA

IL CJASTIEL DES SIRENIS

Intun pais lontan in font dal mr al esist un cjastiel plen di aghe, fat di cjavaluts di mr e ancje la forme e je di cjavalut di mr di colr maron, sfumt cul ros. Il cjastiel al contornt di ris di mr, cuss cuant che a rivin i pes cjatfs, chescj a no puedin l dentri. Par jentr si scugne bati tr voltis su di une cape grande e je si vierzar. Intal cjastiel a vivin tr bielissimis sirenis: une bionde cu la piel clare e lis scuamis rose, une castagn cun lis scuamis viole e la tierce cui cjavei ros e lis bavilis verdis. Intal cjastiel a son cuatri stanzis. La cjamare di Tricky e je ancje la cjamare di Marina; dentri al un jet a cjastiel fat di corai ros scr e une scrivanie fate di alighis cun dongje un scoi che al covente par sintsi. Inte cjamare di Ariel, la tierce sirene, al un jet fat di stelis di mr: Cun di plui e je la cusine, la taule fate di alighis cun tr scois par sintsi, lis capis che a fasin di plats e altris plui piulis che a coventin di gots. Par ultin al il salot, dul che une ostrighe bocognone e fas di divan e dul che e je une librarie fate di corls.

Une d a rivarin tr princips marins a cjaval di tr cjavaluts di mr.

A passin un pcs di ms e ducj e tr a si maridin. Il cjastiel al reste a Ariel e chei altris an fasin s altris doi. Cum a son tr bielissims cjastiei.

Sofia

IL CASTELLO DELLE SIRENE

In un paese lontano in fondo al mare esiste un castello pieno dacqua, fatto di cavallucci marini e anche la forma di cavalluccio marino color marrone, sfumato con il rosso. Il castello circondato da dei ricci di mare, cos quando arrivano pesci cattivi, questi non possono entrare. Per entrare si deve battere tre volte su una conchiglia grandissima ed essa si aprir.    Nel castello vivono tre bellissime sirene: una bionda con la pelle chiara e le squame rosa, una castana con le squame viola e la terza con i capelli rossi e le squame verdi. Nel castello ci sono quattro stanze. La camera di Tricki anche la camera di Marina: dentro c un letto a castello fatto di coralli rosso scuro e una scrivania fatta di alghe con vicino uno scoglio che serve per sedersi. Nella camera di Ariel, la terza sirena, c un letto fatto di stelle marine. Poi c la cucina, il tavolo fatto di alghe con tre scogli per sedersi, le conchiglie che fanno da piatti e altre pi piccole che servono da bicchieri. Per ultimo c il salotto, dove unostrica gigante fa da divano e dove c una libreria fatta di coralli.

                Un giorno arrivano tre principi marini a cavallo di tre cavallucci marini. Trascorrono dei mesi e tutti e tre si sposano. Il castello rimane ad Ariel e gli altri ne costruiscono altri due. Ora ci sono tre bellissimi castelli.

SOFIA

IL CJASTIEL DAI CJAVAI BLANCS

Intune pradarie une vore lontan al un bielissim cjastiel plen di cjavai blancs. Il puarton al tignt di voli di tr cjavai.

Dentri e je une fontane cun tancj puieris che a zuin. I mrs a son piturts cui cjavai che a scombatin cun lis tigris. Une volte, di fat, lis tigris a vevin puartt vie la principesse Gemma e il piul princip Goldy, ma il re dai cjavai e la regjine dai cjavai ju salvarin. La principesse si maridade cuntun cjaval dal cine e il princip al spost une cjavalute balarine e i lr puieris a son chei che a zuin contents dongje de fontane dal cjastiel dai cjavai.

Stefania

IL CASTELLO DEI CAVALLI BIANCHI

In una prateria lontanissima c un bellissimo castello pieno di cavalli bianchi. Il portone sorvegliato da tre cavalli.

                Allinterno c una fontana con molti puledri che giocano. I muri sono dipinti con i cavalli che combattono contro le tigri. Una volta infatti le tigri avevano rapito  la principessa Gemma e il principino Goldy, ma il re dei cavalli e la regina dei cavalli li salvarono. La principessa ha sposato un cavallo del cinema e il principe ha sposato una cavallina ballerina e i loro puledri sono quelli che giocano felici vicino alla fontana del castello dei cavalli.

STEFANIA

IL CJASTIEL DAI FLRS

Une vore lontan al un cjastiel da lis rosis. Il cjastiel al un zardin grandonon cun dulintor montagnis.

Il cjastiel al ds tors e al cuviert di rosis di ducj i cualitts. A son ds vuardiis che e controlin il zardin. Intal cjastiel il paviment al plen di flrs e al une vore mulisin. Il jet al fat di len e lis rosis e il divan e i cussins a son fts di rosis; intal bagn la aghe e profume di violutis. Ancje la cusine al fate di rosis. Intal cjastiel e vf la principesse Fiore.

Stefania

IL CASTELLO DEI FIORI

Molto lontano c un castello dei fiori. Il castello in un enorme giardino circondato da montagne.

Il castello ha due torri ed ricoperto da fiori di ogni tipo. Ci sono due guardie che controllano il giardino. Nel castello il pavimento pieno di fiori ed molto soffice. Il letto fatto di legno e fiori e il divano e i cuscini sono fatti di fiori; nel bagno lacqua profuma di violette. Anche la cucina fatta di fiori. Nel castello vive la principessa Fiore.

STEFANIA

IL CJASTIEL DAI CJAVAI BLANCS

Tal pic da la mont al un cjastiel cun puartis e stanzis piulis. Denant dal cjastiel al un maraves cjastinr. Cul a vivin tr cjavai blancs cui "unicuars" picinins che ogni d a zuin di patsi atr dal cjastinr. I tr "unicuars" a cressin e a jentrin intal cjastiel, ma lis stanzis a son piulis. I "unicuars" a fasin une magjie, a unissin i lr cuars e come par incjant lis stanzis a deventin boconis.

Stefania

IL CASTELLO DEI CAVALLI BIANCHI

Sulla cima della montagna c un castello con porte e stanze piccole. Davanti al castello c un meraviglioso castagno. L vivono tre cavalli bianchi con gli unicorni piccoli che ogni giorno giocano a nascondino attorno al castagno. I tre unicorni crescono ed entrano nel castello, ma le stanze sono piccole. Gli unicorni fanno una magia, uniscono i loro corni  e come per incanto le stanze diventano grandi.

STEFANIA

IL CJASTIEL DAI SPIEI STRALUSINTS

Intun pais lontan, siert intor di ml prts sflorts, al je un cjastiel fat dut di spiei stralusints. Il cjastiel al grs. parsore dal puarton fat di rl al je un cartel cu su scrit: "Il cjastiel dai Spiei Stralusints; vietade la jentrade".

Dongje dal cjastiel al je un vila dul che son a st doi paisans che a coltivin i cjamps. Parsore dal cjastiel a son ds tors e adalt a svualin doi corvats neris. Lis stanzis intal cjastiel a son fatis, par la plui part, di ogjets di veri trasparent. La mobilie inte cjamare a je dute fate di un curis veri dut crevt. Invezit intal tinel al je un bielissim taulinut di veri; il divan al ros e parsore al je ricamt un spieli fat di perlinis.

Un frut di non Marc al torne di scuele e al si fs curis dal cartel che al je parsore dal puarton di rl dal cjastiel. Inalore al si invie; al rive dongje dal cjastiel, al viers il puarton di rl, al evite il cartel che al ds "Vietade la jentrade". Lt dentri, al siere il puarton e, denant di lui, al vit un tapt fucsie cu la orladure di aur. Dilunc de lungje scjalinade al ven j un sir cu la lungje barbe inarzentade che i ds: "No stu viodt ce che al ds il cartel?"

Marc al si vise dal cartel e al scjampe vie.

Valentina

IL CASTELLO DEGLI SPECCHI TRASPARENTI

In un paese lontano, circondato da mille prati in fiore, c un castello fatto tutto di specchi trasparenti. Il castello grigio. Sopra il portone fatto di quercia c un cartello che dice: Il castello degli Specchi Trasparenti; vietato lingresso. Vicino al castello c un villaggio dove abitano molti paesani che coltivano i campi. Sopra al castello ci sono due torri e in alto volano due corvi neri. Le stanze nel castello sono fatte, per la maggior parte, da oggetti di vetro trasparente. I mobili nella camera da letto sono fatti di uno strano vetro tutto segnato. Invece nel salotto c un bellissimo tavolino di vetro; il divano rosso con su ricamato uno specchio fatto di perline.

                Un bambino di nome Marco torna da scuola e si incuriosisce del cartello che c sopra il portone di quercia del castello. Allora si incammina; arriva al castello, apre il portone di quercia, evita il cartello che dice Vietato lingresso. Entrato, chiude il portone e, davanti a s, vede un tappeto fucsia con i bordi doro. Dalla grande scalinata scende un signore dalla lunga barba argentata che gli dice: Non hai visto il man

cartello cosa dice?.

       Marco si ricorda del cartello e scappa via.

VALENTINA

IL CJASTIEL DAI SPIEI COLORTS

Parsore di une culine al un cjastiel di spiei colorts. I spiei a son taronts, cuadrts e triangolrs e son blu, verts, zi, ros, viole, turchins e rose. Intal cjastiel dut al fat di veri.

Ul e vf une famee di fantasimis: mari Marta, pai Giacomo e i lr fs Filippo, Simone e Martina.

Cuant che al plf lr a restin intal cjastiel e a zuin di platsi; cuant che al il soreli a zuin intal zardin.

Di gnot la famee di fantasimis e spaurs ciertis personis che a vivin intal cjastiel: inalore chs personis e scjampin vie e lis comparencis e vivin bessolis intal cjastiel dai spiei colorts.

Valentina

IL CASTELLO DI SPECCHI COLORATI

Sulla cima di una collina c un castello di specchi colorati. Gli specchi sono rotondi, quadrati e triangolari e sono blu, verdi, gialli, rossi, viola, azzurri e rosa. Nel castello tutto fatto di vetro.

                L vive una famiglia di fantasmi: mamma Marta, pap Giacomo e i loro figli Filippo, Simone e Martina.

                Quando piove loro restano nel castello e giocano a nascondino; quando c il sole giocano in giardino..

                Di notte la famiglia di fantasmi spaventa alcune persone che vivono nel castello: allora quelle persone scappano via e i fantasmi vivono soli nel castello dagli specchi colorati.

VALENTINA

IL CJASTIEL DA LIS COCIS

Sul pruc di un mont al un cjastiel di cocis. Lis cocis a son une vore grossis e naranon. Il cjastiel al di forme taronde, lis puartis a son triangolrs e la mobilie a je cuadrade. Lis stanzis a son netis e il jet al la forme de coce. Intune stanze al une arcje cuntune mumie che e va in cusine e e prepare une sope di gnotui; dasp e cjate un cuadri di so pari e e je contente parc che e je la prime volte che lu vit.

Vicens

IL CASTELLO DELLE ZUCCHE

Sulla cima di una montagna c un castello delle zucche. Le zucche sono grosse ed arancioni. Il castello di forma circolare, le porte sono triangolari e il mobilio quadrato. Le stanze sono pulite e il letto ha forma di zucca. In una stanza c un sarcofago con una mummia che va in cucina e prepara una zuppa di pipistrelli; poi trova un quadro di suo padre e d felice perch la prima volta che lo vede.

VICENS

CJASTIEL DA LA OSCURITT

Inte bande plui scure dal mont, al un cjastiel. Prime al viveve li un gjigant, cum a vivin dutis lis robis de oscuritt. Une volte al jere di colrs clrs, sicu: zl, turchs, naranon e blanc, cun lis fignestris di arint e la puarte grise; cum al di colrs scrs, par esempli neri, vert scurissim, blu e maron. I barcons a son ros e la puarte e je nere. Dentri a son: gjats neris, panteris neris, mobii neris, ma soredut fruts cu la muse nere e i vistts neris. Fr invezit a son: zardins blu, arbui marons e rosis grisis. I doi fruts a si metin a f un zc une vore pericols, ven a sti chel di l parsore da la ponte dal cjastiel, che al altissim, in siet minuts i la fasin; un dai fruts al cole: par fortune che e je la fignestre vierte! Il frut al rive a tignsi e al si rimpine s; e je une cusine maraveose cun dutis lis robis neris. Chel altri frut al si impenziris, parc che a son fradis; alore al va in cusine par viodi ce mt che al sta il fradi e al vit che al sanc inte mans. Il cjastiel cum al fas plui pre. I fruts a imparin la lezion di no f plui zcs li che a podin fsi ml.I doi fradis a cjapin une punizion, ven a sti ch di net il cjastiel, cuss al devente plui scr che mai

Anonimo

 

inizio pagina

 
 

Ultimo aggiornamento: 12-01-07